Verità o finzione? Analogie tra 1984 e il nostro mondo

Eric Arthur Blair, conosciuto come George Orwell, scrive nel 1948 un romanzo che rimarrà nella storia: 1984 (il titolo deriva appunto dall’inversione delle ultime due cifre dell’anno in cui lo scrive). In un futuro prossimo, il mondo è diviso in tre superstati in perenne guerra fra loro: Oceania, Eurasia ed Estasia. In Oceania, la sede dei Ministeri dell’Amore, dell’Abbondanza, della Pace e della Verità è Londra. In questo scenario, fatto di assenza di pensieri propri e controllato costantemente dall’occhio del Grande Fratello, si vive come macchine. Il Partito unico controlla tutto e tutti. Il protagonista, Winston Smith, è incaricato di correggere i libri e gli articoli di giornale già pubblicati, cioè modificarli in modo da rendere veritiere le previsioni fatte dal partito, si occupa di modificare la storia scritta e inventare di sana pianta vite di dissidenti vaporizzati (fatti sparire).

Scopo del partito è cancellare la memoria dei suoi sudditi e creare un futuro fatto di poche parole.

Scopo del partito è quello di restringere al massimo la sfera d’azione del pensiero.

“LA GUERRA E’ PACE, LA LIBERTA’ E’ SCHIAVITU’, L’IGNORANZA E’ FORZA” recita lo slogan.

Il romanzo dai caratteri fantascientifici e fantapolitici, così come viene “catalogato”, ha invece poco di fantastico e surreale. Se pensiamo al nostro mondo ci possiamo accorgere di quante analogie vi siano. Vi sembra impossibile? Pensate ai partiti del nostro paese, alle nostre televisioni, ai rapporti tra Italia e Stati dell’Unione Europea, ai rapporti con gli USA. Tutto ciò che succede nelle sale del potere non ci viene mai raccontato fino in fondo. Tutto ciò che succede nelle nostre carceri, nei nostri ospedali, nelle nostre caserme, nei nostri centri di addestramento militare non ci viene MAI raccontato fino in fondo, se ci viene raccontato lo si fa in maniera distorta.
Ci sono poi alcuni giornalisti, quelli che perdono il lavoro perché cercano di parlare di cose troppo grosse, e quelli che perdono la vita perché le cose le hanno dette.

1984: amarezza e silenzio.

2014: amarezza e silenzio.

P.S. se volete sapere come va a finire il libro di Orwell, leggetelo, ne vale la pena.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...