Indonesiani in fasce che fumano. Cultura o disagio sociale?

Al posto del ciuccio la sigaretta.

In Indonesia i bambini fumano, e sono tantissimi.

Le industrie del tabacco, secondo quanto riportato da un’inchiesta di La Presse, hanno messo radici nei paese poveri che hanno pochi strumenti per combattere il tabagismo. È il caso dell’Indonesia, uno dei mercati meno regolamentati del mondo.

Il bambino nella foto ha 7 anni, ma fuma da quando ne aveva poco più di uno. Un anno.

Con 250 milioni di abitanti e una lotta al tabagismo che non trova seguito (il paese non ha firmato la convenzione per la lotta al tabacco dell’Organizzazione Mondiale della Salute), l’Indonesia, per le industrie del tabacco, è un paradiso. E non è tutto: il governo ha fatto delle sigarette “ktretek”, un mix di tabacco e chiodi di garofano, un vero e proprio patrimonio culturale.

Si tratta di cultura o disagio sociale?

(fonte immagine pressreader.com)
(fonte immagine pressreader.com)
Annunci

3 pensieri su “Indonesiani in fasce che fumano. Cultura o disagio sociale?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...