Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. Domani la conferenza stampa sulle novità

Si continua a parlare del caso Ilaria Alpi e Miran Hrovatin.

Domani alle 14.30 a Montecitorio la conferenza stampa per fare il punto sulle novità emerse sul caso di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin dopo la pubblicazione delle motivazioni alla sentenza di assoluzione per Hashi Omar Hassan.

Su Voci Mute se ne parlava qui per non dimenticare, e capire.

Il giornalismo che cambia

La Bbc usa Instagram come canale di informazione.

Il nuovo progetto si chiama Instafax e mira a sfruttare la condivisione di video che l’app offre da qualche mese ai suoi utenti. Tramite filmati con testi di 15 secondi la Bbc posta su Instragram brevissimi lanci di notizie o il riassunto dei titoli delle maggiori news di giornata.

I video contengono poche informazioni proprio perché pensati per un pubblico che fruisce questi contenuti su schermi molto piccoli e in mobilità. Per gli aggiornamenti il video rimanda direttamente al sito della Bbc.

In un’intervista rilasciata al Guardian, Steve Herrmann, Head of Bbc News Online, ha dichiarato che “il progetto nasce con l’idea di raggiungere un pubblico che non è quello classico dell’emittente inglese e che si informa principalmente tramite i social media“.

Qua la Bbc spiega il servizio Instafax

Anche il quotidiano inglese The Guardian ha iniziato a usare Instagram come canale informativo. Ma in modo più tradizionale: posta immagini relative ai servizi messi in piedi dai suoi giornalisti. In questo modo, i reporter possono comunicare ai loro lettori il “dietro le quinte” di un reportage utilizzando l’hashtag #GuardianCam. Continue reading “Il giornalismo che cambia”

Musulmani che accusano donne, musulmani che salvano cristiani, le proteste a Roma contro il bavaglio turco

I fatti che racconto oggi nella mia personalissima rassegna:

  • La difesa dell’Imam Sami Abu-Yusuf sulle violenze alle donne a Colonia
  • Salah Farah, insegnante keniota di religione musulmana è morto. Aveva protetto alcuni cristiani
  • #noalbavaglioturco La manifestazione a Roma: “Liberate i giornalisti”

A quasi un mese di distanza dalla notte di violenza di Colonia in cui molte giovani donne sono state aggredite da centinaia di molestatori, Sami Abu-Yusuf, imam di una moschea salafita della città tedesca, esprime la sua terribile opinione sulla vicenda.

“Muslim cleric says Cologne sex attacks were the victims’ fault because they wore PERFUME” – questo il titolo dell’articolo pubblicato mercoledì dal Daily Mail

L’imam invita le vittime delle violenze a sentirsi colpevoli per aver indossato profumo. La guida musulmana avrebbe dichiarato di non essersi affatto stupito delle violenze subite dalle ragazze perché “il loro modo di vestirsi non era adeguato. Vestirsi così è come aggiungere benzina sul fuoco, non mi sorprende che gli uomini volessero attaccarle”. Continue reading “Musulmani che accusano donne, musulmani che salvano cristiani, le proteste a Roma contro il bavaglio turco”

Giornalisti e giornalismi uccisi: il duro terreno in Medio Oriente e in Europa

Questo sabato: il triste rapporto di Reporter Senza Frontiere, la libertà di espressione in Polonia,  e Can Dundar, giornalista turco arrestato, ha scritto a Matteo Renzi.

Allarmante rapporto quello di RSF: due terzi dei 110 giornalisti uccisi nel 2015 sono stati colpiti fuori dalle zone di guerra.

Il numero di giornalisti tenuti in ostaggio aumentano vertiginosamente del 35%

-49 sono stati uccisi per motivi specifici legati alla professione;

-18 mentre lavoravano;

-43 per motivi non specifici ma riconducibili alla loro attività.

giornalisti uccisi 2015
(fonte immagine: rsfitalia.org)

Un dato allarmante è la diffusione di uccisioni in terreno europeo: la Francia, per colpa della strage di Charlie Hebdo, si trova ad essere il terzo Paese per reporter morti (8) dopo Iraq (11) e Siria (10).

La zona più pericolosa per i giornalisti rimane indubbiamente il Vicino Oriente: 79 rapimenti (il 70% dei casi avviene in zone di guerra).
Incarcerazione dei reporter: i paesi con i regimi più repressivi sono Cina (153), Egitto (22), Iran (18), Eritrea (15) e Turchia (9).


Decina di migliaia di manifestanti sono scesi sabato scorso in strada a Varsavia, e nelle principali città della Polonia, per far sentire la loro voce contro la nuova legge sui media e la riforma della Corte costituzionale, approvate dal governo ultra-conservatore, guidato dal partito Diritto e Giustizia.

Uno degli slogan più urlati dalla folla è stato: “Siamo a Varsavia, non a Budapest“. Come dire: non vogliamo politiche reazionarie come quelle portate avanti da Viktor Orbán.
Continue reading “Giornalisti e giornalismi uccisi: il duro terreno in Medio Oriente e in Europa”

40 anni fa nasceva il quotidiano la Repubblica. I fatti antenati dell’Italia di oggi: crisi di governo e mafia tra i politici

Quaranta anni fa usciva la Repubblica, il quotidiano che si poneva come “indipendente ma non neutrale“, apertamente schierato col progressismo di sinistra.

1

Il giornale nasceva come quotidiano di approfondimento dei principali fatti di cronaca nazionale e internazionale (si è poi evoluto con le edizioni locali e tematiche).

Il primo numero, uscito con l’edizione odierna ci porta non solo a notare come era diversa l’impronta giornalistica di allora, nei modi e nei linguaggi, of course, ma soprattutto ci porta a compiere una riflessione di quello che era la nostra nazione quaranta anni fa.

Profonde crisi di governo, mafia e politici. Questi i fatti antenati dell’Italia di oggi.

In prima pagina la crisi di governo. Siamo alla sesta legislatura (1972-1976), governo Moro IV (23 novembre 1974 – 12 febbraio 1976).

3

Continue reading “40 anni fa nasceva il quotidiano la Repubblica. I fatti antenati dell’Italia di oggi: crisi di governo e mafia tra i politici”